“Pompei per tutti”: la disabilità non è un problema.

Già da dicembre 2016 è stato avviato il progetto “Pompei per tutti” con lo scopo di rendere accessibile la nota zona archeologica anche alle persone con handicap motori, sensoriali e cognitivi; il 10 Febbraio 2018 è stato presentato un ampliamento di questo percorso facilitato che va ad includere anche “la Domus dei Mosaici Geometrici” ed il “Cortile delle Murene”.

Chi aderisce a questo percorso agevolato avrà in dotazione un braccialetto elettronico che fornirà vari servizi tra cui un bottone per l’SOS (con sensore GPS capace di rilevare la posizione di chi lo indossa) e un audioguida dei luoghi inerenti al percorso.

Questo rende la zona archeologica di Pompei la più avanzata tecnologicamente perchè, davvero, la cultura non ha limiti.