EGITTO POMPEI: mercoledì 20 Aprile

Torino, Pompei e Napoli unite da un grande progetto espositivo con un solo denominatore comune: l’Egitto.

È questo il tema di una prestigiosa mostra, articolata in tre luoghi e quattro tempi, che racconta influssi e innesti spirituali, sociali, politici e artistici originati da culti ed elementi di stile nati o transitati per la terra del Nilo, che si inserisce in una più ampia riflessione di approfondimento sulle relazioni di Pompei con le grandi civiltà affacciate sul Mediterraneo.
Egitto Pompei, questo il titolo che unifica il programma di tre sedi espositive, nasce dalla collaborazione tra il Museo Egizio, la Soprintendenza Pompei e il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, che si avvalgono, questi ultimi, dell’organizzazione di Electa.

A Pompei, nella Palestra Grande, uno scenografico allestimento di Francesco Venezia riunirà dal 16 aprile sette monumentali statue con testa di leone della dea Sekhmet e la statua seduta del faraone Tutmosi III che per la prima volta escono dalle sale della collezione permanente del Museo Egizio. I monoliti di granito prestati dal museo torinese marcano la centralità del culto solare: un ritorno alle origini di una secolare storia di sincretismi religiosi, in cui l’adorazione della dea Sekhmet riconduce il racconto della mostra alla fase costitutiva del cosmo e all’ordine imposto dagli dei. Il rapporto tra la divinità e il mondo, e la necessità di mantenere un equilibrio tra forze contrapposte, si manifesta attraverso una serie di rituali di cui le imponenti statue sono testimoni. Una emozionante video installazione di Studio Azzurro accompagnerà l’esposizione delle opere.
All’interno degli scavi verrà tracciato, inoltre, un percorso egizio a partire dal Tempio di Iside, interessato da un intervento multimediale di realtà immersiva, per arrivare alle numerosissime domus che riportano motivi decorativi egittizzanti, come quella di Loreio Tiburtino.

INFORMAZIONI
www.pompeiisites.org

Sede
Scavi di Pompei, Palestra Grande – Porta Anfiteatro

Date al pubblico
20 aprile – 2 novembre 2016

A cura di
Massimo Osanna, Marco Fabbri con la collaborazione di Simon Connor

Promossa da
Soprintendenza Pompei
Museo Archeologico Nazionale di Napoli
Fondazione Museo delle Antichità Egizie di Torino

Organizzazione e comunicazione
Electa

Orari
aperto tutti i giorni
dal 15 aprile dalle 9.00 alle 19.30 (ultimo ingresso alle 18.00)
chiuso 1 maggio

Biglietti
intero 13 euro
ridotto 7.50 euro

UFFICI STAMPA

Electa
Gabriella Gatto tel. 06 47497462 – press.electamusei@mondadori.it

Soprintendenza Pompei
tel. 081 8575327 –
pompei.ufficiostampa@beniculturali.it